Dietro la sigla NCS che spesso si trova riportata sulla spalla del pneumatico si cela il Noise Cancelling System: scopriamo insieme di che cosa si tratta

La marcatura del pneumatico è l’insieme di codici e cifre riportate sulla spalla dello stesso, che rivelano informazioni fondamentali sulla gomma, come ad esempio misure e caratteristiche. Fra questi codici sempre più spesso capita di trovare la sigla NCS, acronimo di Noise Cancelling System: di cosa si tratta? Letteralmente, di un sistema per la cancellazione del rumore, ovvero di una tecnologia messa a punto per incrementare la silenziosità dei pneumatici. A brevettare il Noise Cancelling System è stata Pirelli e questa innovazione è sempre più richiesta dagli automobilisti oltre che dalle case costruttrici di auto come primo equipaggiamento su veicoli di fascia alta, fra i quali ad esempio il Land Rover di Volvo.

Come funziona il Noise Cancelling System?

Qual è nel dettaglio il funzionamento del Noise Cancelling System? La nuova tecnologia realizzata da Pirelli prevede l’impiego di uno specifico materiale fonoassorbente che viene posizionato nel lato interno del pneumatico con la funzione di ridurre il rumore proveniente dalle gomme e che si percepisce all’interno dell’abitacolo. Grazie al sistema di cancellazione del rumore quest’ultimo può essere ridotto del 25%, assicurando così maggiore comfort a coloro che si trovano nel veicolo. A generare il rumore dei pneumatici è la vibrazione dell’aria nella parte interna della gomma, che si trasmette alla vettura. Il materiale fonoassorbente presente nella cavità del pneumatico è in grado di assorbire in parte queste vibrazioni, limitando la loro trasmissione all’automobile; è composto da schiuma a celle aperte e ha la consistenza di una spugna.

Come riconoscere i pneumatici dotati di tale tecnologia?

Per ora il Noise Cancelling System è una tecnologia che si trova in prevalenza sulle vetture di fascia alta, ma vista la domanda sempre crescente da parte degli automobilisti è lecito aspettarsi nei prossimi anni una sua rapida diffusione che coinvolgerà anche altri tipi di veicoli. La presenza di tale sistema sulle coperture è evidenziata sulla spalla delle gomme stesse, dove è possibile trovare la sigla NCS accompagnata dal simbolo di un diffusore acustico barrato, che indica appunto la riduzione del rumore. Sta diventando frequente in determinate categorie di auto avere a bordo gomme con il sistema di cancellazione del rumore già come primo equipaggiamento, mentre gli automobilisti che sono interessati ad acquistare questo tipo di pneumatici possono cercare sia presso i rivenditori tradizionali che negli store online le coperture che riportano il simbolo del diffusore acustico barrato e la sigla NCS, così da assicurarsi di comprare gomme che dispongono della tecnologia di riduzione del rumore.

Quanto conta il comfort nell’abitacolo

Il comfort all’interno dell’abitacolo è una componente fondamentale, soprattutto nei lunghi viaggi. Ecco perché la rumorosità dei pneumatici è uno dei parametri presi in considerazione all’interno dell’Etichetta europea – il sistema adoperato per classificare le gomme in base alle loro prestazioni e caratteristiche – e per lo stesso motivo i produttori stanno riversando sempre maggiore attenzione e risorse nello studio del rumore generato dai loro prodotti, con l’obiettivo di ridurlo. Pirelli è stata la prima a brevettare un sistema di cancellazione del rumore, presentandolo ai consumatori nel 2013 e affinandolo nel corso degli anni. Per questa ragione sulle gomme dell’azienda milanese la marcatura prevede la sigla PNCS, vale a dire Pirelli Noise Cancelling System, a rivendicare la paternità di un’idea che si è rivelata subito vincente ed è molto apprezzata dagli automobilisti, i quali desiderano certamente pneumatici performanti e sicuri, ma anche in grado di garantire il massimo comfort quando ci si trova alla guida della propria auto.