Sullo pneumatico sono riportate una serie di informazioni che consentono di verificare la corrispondenza alle prescrizioni della carta di circolazione.

È molto semplice verificarle, anche per i meno esperti del settore. I valori variano in base al mercato al quale lo pneumatico è destinato, e in base all’omologazione prevista. Per il mercato europeo devono essere presenti le informazioni richieste dal Regolamento ECE-ONU n. 30 . Il sito di vendita online Cerchigomme.it è fornito di una sezione da consultare previo acquisto, in cui sono spiegate nozioni importanti sulla qualità dello pneumatico, oltre che dei cerchi e dei kit. Tutto quello da sapere per effettuare un acquisto mirato in tutta sicurezza.

carta di circolazioneOltre alla marca e al modello dello pneumatico, sono presenti la struttura (in caso ci si trovi di fronte alla presenza di uno pneumatico “tubeless”, cioè senza camera d’aria la norma vuole che sia esplicitamente segnalato) e l’indicazione del lato di montaggio. Questo parametro è molto utile perché, per gli pneumatici con il disegno del battistrada asimmetrico è importante che il montaggio avvenga nella giusta direzione, in quanto questo genere di gomme sono progettate appositamente per offrire il massimo della prestazione considerando il diverso comportamento della parte interna ed esterna del disegno. Inoltre devono essere inseriti anche il codice di velocità e l’indice di carico che corrispondono rispettivamente alla velocità massima di omologazione ed al peso massimo che ciascun pneumatico può sopportare.

Gli pneumatici che sono venduti nei mercati europei devono sottostare all’Omologazione ECE. Quando questa sigla è riportata sulla gomma, dimostra che ha ricevuto la certificazione relativamente alle prove dimensionali e di alta velocità del regolamento n. 30 della Commissione Economica per l’Europa. La marcatura comprende una lettera “E”, e una serie di numeri che rappresentano il codice del Paese che ha fornito l’omologazione, il rispetto di un emendamento e il numero del certificato dello stesso. Un’altra direttiva europea è la 2001/43/EC, relativamente ai nuovi livelli di emissione sonora imposti negli Stati Membri dell’Unione Europea.

Gli pneumatici invernali prevedono una sigla in più: la marcatura M+S (dall’inglese mud and snow, fango e neve) in associazione al disegno di un monte con un fiocco di neve all’interno (Snowflake). A livello legale la sola marcatura M+S è sufficiente per distinguere un pneumatico invernale, ma l’industria del settore ha adottato la marcatura “Snowflake” per differenziare i veri prodotti invernali dai prodotti Allseason che presentano invece solo la marcatura M+S.

A partire da novembre 2012 ogni pneumatico sarà caratterizzato da un’altra cifra distintiva: le nuove etichette che segnaleranno l’efficienza energetica, la classe di appartenenza e il rumore.