È facile intuire che le probabilità di avere un incidente siano di gran lunga maggiori in caso di pioggia rispetto a quando si guida su asfalto asciutto. Vi proponiamo allora i 5 consigli per guidare sul bagnato di Russel Shepherd, ingegnere meccanico di Michelin North America.

1) Se sostituite due soli pneumatici, togliete i più usurati e montate i nuovi sul retro. Le ruote posteriori infatti, sono le più sollecitate in caso di sbandamento.

2) Sentite l’auto e prestate attenzione a come reagisce sotto la pioggia. Ci sono segnali che indicano che si sta perdendo grip e potrebbe verificarsi aquaplanning come per esempio la sensazione che lo sterzo sia più leggero del normale, l’entrata in funzione dell’ABS o la percezione di uno scivolamento in frenata. In questi casi è necessario rallentare e controllare i pneumatici non appena possibile.

3) Prestate attenzione all’inizio perché basta una pioggia leggera per compromettere la trazione della vostra auto. Le prime gocce infatti si mescolano con polvere e residui vari rendendo il manto stradale viscido e pericoloso. È bene quindi rallentare da subito, non appena comincia a piovere.

4) Se si è con il piede sull’acceleratore e l’auto non accelera o se invece si rallenta vuol dire che si sta perdendo trazione e siamo soggetti al fenomeno dell’aquaplanning. Occorre quindi rallentare e procedere ad una velocità più bassa.

5) Controllate i pneumatici girando il volante in modo da poter vedere correttamente l’intero battistrada perché potrebbe essere rovinato nella parte interna.

Vi ricordiamo che è importante controllare regolarmente l’usura del battistrada e la pressione dei pneumatici in ogni stagione e che diventa indispensabile farlo nei periodi più piovosi. Per questo non rinviate la sostituzione dei pneumatici ed approfittate delle nostre imperdibili offerte. Inoltre su Cerchigomme.it acquistando un set di cerchi ed un treno di pneumatici il montaggio e l’equilibratura sono gratuiti. Approfittatene

 

(Fonte: Pneusnews)