Nuova colorazione Pearl Siena Red – Pearl Nightstar Black per la nuda dell’Ala Dorata che in Italia continua a svettare nelle classifiche di vendita.

Honda CB1000R si rinnova per il 2010 con una versione rossa, ispirata alla XESS già ammirata allo scorso Salone di Milano. E’ una nuda compatta, spoglia e muscolare: siamo pienamente d’accordo con gli aggettivi utilizzati nella cartella stampa di che all’epoca presentava la nuova Honda CB1000R. Una naked massiccia, dall’aspetto aggressivo, che rimanda quasi alle moto del passato. Basta però osservare le finiture, il quadro strumenti a cristalli liquidi oppure il voluminoso impianto di scarico per capire che di “vecchio” non c’è proprio nulla… Motore da SBK La nuova CB1000R monta un compatto ma potente propulsore quattro cilindri in linea da 998 cc, con iniezione elettronica e raffreddamento a liquido, in grado di assicurare prestazioni degne dell’aspetto. Si tratta di un diretto discendente dei motori Honda Super Sport resi famosi dalle competizioni mondiali, come nel caso della CBR1000RR Fireblade 2007 vincitrice del World Superbike 2007.

Esattamente come sulla CBF 1000, equipaggiata con lo stesso propulsore, anche l’unità della CB1000R anziché esaltare l’erogazione ai massimi regimi massimizza la potenza verso i regimi medio-bassi, sostenendo la ripresa e assicurando una coppia più potente ed istantanea. Caratteristiche essenziali come la valvola IACV (per il controllo dell’aspirazione) mantengono al minimo gli eccessi di coppia e gli sbalzi del motore alle basse velocità, garantendo un funzionamento regolare. Plancia da jet All’anteriore, il compatto cupolino a bikini della CB1000R circonda un nuovo faro multi-reflector di forma triangolare, che incorpora nel “mento” un bel LED per la luce di posizione. Subito dietro il cupolino fa la sua comparsa un pannello degli strumenti completamente digitale e di deciso impatto estetico, con tre grandi display LCD che illustrano tutti i dati operativi. Anche il contagiri è dotato di un display LCD multisegmento che visualizza all’istante la velocità del motore sotto forma di una barra che si estende lungo tutto il lato superiore.

FONTE: http://www.infomotori.com